I PORTEGHI DE PADOVA

Veci, onti, ma sempre boni,
vive impavidi nea sità:
portegheti, porteghi, portegoni:
sento misure, ‘na quaità.

Fieri d’esser longhi un staro
come da nessun’altra parte,
dełe volte i camina a paro,
dełe altre soi in disparte.

Comodi da ‘ndar dentro,
comodi da ‘ndar fora,
comodi parchè i xe in centro,
comodi a ogni ora.

Co piove se camina al suto
anca se no ghe xe i ombrèi
e se machina vol sbiansarte tuto
te te scondi drio i cormèi;

s’invesse el soe spaca el sarvèo
là soto se trova l’ombrìa,
un fresco unico e beo,
la più pase che ghe sia.

 

Le ciàcoe più impensàe
soto el portego vien fora:
robe del tempo andàe
e novità de l’altra ora;

se trova le comari in traversa,
i tosi che sempre schersa,
i boce che xoga cuco,
i omani che se conta tuto.

E co scomissia l’imbrunire
i porteghi xe riservà,
sensa raxòn da capire,
solo ałe copie dea sità

che torno via i cormèi
de mejo no i catarìa:
discreti come quei
che tase e no fa spia!

Par questo e queo che manca
no podemo star sensa amarli
tanto che se n’i ghe fusse gnanca
bisognarìa subito inventarli!

Pier Giorgio Fontana