Padovando

Nel ‘novantasinque, insieme al caro amico Renato Ometto (mancà tragicamente nel 2004) – che da speciałista ga curà la parte grafica e la stanpa – ghemo publicà co corajo “PADOVANDO”, un’assieme de robe de vario tipo riguardante Padova e i padovani. Nel nostro pìcoło l’è stato un sucesso inaspetà parchè, dopo gnanca un mese, no gera restà più na copia nełe librerie. In sto capitolo riportarò un fià ała volta dełe pagine che ritegnarò più significative, sperando cussì de farghe piassére a qualcuno che no ga vuo modo de védare chel libro; qualcuno che, spero, fassa parte dełe nóve generassión contribuendo cussì a far amare un fià de più la nostra sità, la so storia piùomeno recente e el so diałéto a quanti ne sta dando el canbio piùomeno velocemente…

Gnente de speciàe
e de sientifico.
Un fià de robe e robete
sensa pretese de nessun tipo.
Parchè restasse
calcossa altro ‘ncora
ne sto bel diałéto parlà desso,
ne sti ani qua,
in sità e dintorni.
Parchè altri consitadìni
de nassita o de adossión,
sopratuto i più xóvani,
vegna a conòssare un fià de più
la storia dea nostra sità.
Parchè ne piaxéva tanto farlo.
Parchè spetàre ‘ncora,
dati i ani sul gropòn
e che sbrissa via,
voèva dire aumentare el ris-cio
de no fare più in tempo a farlo.
Parchè sopratuto ghe voémo
tanto ben a Padova.
Se scuxémo co tuti
par le inexatesse e erori
e sopratuto par le sicure
dimenticanse de fati e personaji
più o meno inportanti;
ve assicurémo che questo
xe capità parchè no ghemo
savùo fare de mejo e,
in ogni caso,
no lo ghemo fato aposta!

I autori
Setembre ’94

(Dalla prefazione)