Paolo, me fióło più pìcoło (che oramai xe deventà grando anca lù!), conossendo la me sinpatia particolare par Padova e pa’l so diałéto, me ga fato sta inprovisata de vèrxarme sto “sito” (lexì al riguardo nel capitoło ‘questo sito’), sta roba straordinaria che in un lanpo, nel tenpo tra un respiro e naltro, te porta da un punto al’altro dea Tera!

In un primo tenpo me so trovà spaexà a pensare de dovérghe mètare le man dentro par confessionarlo adeguatamente, al mejo possìbie e tegnéndoło agiornà co robe vecie e nove…; e tuto questo, sopratuto, parchè mi no sarìa tanto pance su le robe eletroniche; ma po’ me so dito: ma ti chi sito? vuto no èssare bon a starghe drio al to sito? Sito o no sito co la testa ncora abastanza in quadro? 

 A parte i xoghi de paròłe, co un poca de bona volontà e jutà da Valentina, naltra me fióła, go scomissià a butarghe dentro un fià de robe che spero possa piaxére e interessare i padovani e quanti vorà pèrdarse via nel so nostro diałéto.

Xe passà sinquantani da quando che go vuo el corajo de publicare la me prima roba, chel libreto picenìn e quadrato che se ciamava “Soto i porteghi”… Chi xe che garìa mai pensà che al tramonto dea vita me sarìa sucesso un fato del genere?

Xe propio vero: fin che no te sbai l’ocio, poe senpre sucèdare de tuto!

Pier Giorgio Fontana

 

Il sito prende il nome da un piccolo libretto di poesie di mio papà che ricordo, fin da quando ero piccolo, aveva una copertina dal colore rosso/arancio quasi fluorescente con un disegno dei portici di Padova e all’interno qualche breve testo dedicato alla sua e alla mia città.

Questo sito è una raccolta di scritti in dialetto padovano ed immagini a supporto dei testi, ma è anche un luogo virtuale per unire insieme la passione di mio papà, che spero abbia voglia di sperimentare questo mezzo di comunicazione a lui nuovo, e la volontà di divulgare il dialetto padovano sia per coloro che lo conoscono sia per i curiosi che vi ci si avvicinano per la prima volta.

 Un modo come altri per poter ringraziare Pier Giorgio, mio papà, e Maria Rosa, mia mamma, che sono e saranno sempre la mia guida in questo pianeta.

E dedico queste pagine a Silvia e Piera, le mie signore speciali che mi regalano sempre tanta bellezza.

Infine un grazie a Simone per la sua preziosa collaborazione tecnica.

Paolo Fontana